Giornata mondiale contro l’omofobia

Sabato 17 maggio, ore 17.00, con il patrocinio del Comune di Sondrio, in occasione della Giornata mondiale contro l’omofobia, al Centro sarà proiettato il film documentario dell’Associazione genitori di omosessuali Due volte genitori. Seguirà dibattito. Saranno presenti il regista Claudio Cipelletti e un genitore della Agedo. Hanno aderito Arci Sondrio, Cgil, Gay Sondrio.

L’omofobia è un problema estremamente serio. L’Italia registra continui e quasi quotidiani episodi non di rado gravissimi se non addirittura mortali. Spesso si avanzano motivazioni di fede per giustificare atteggiamenti omofobi. Non ci si può però basare sulla Bibbia, pur con differenti interpretazioni dell’omosessualità, la violenza e la discriminazione.

Il film che verrà proiettato per la ricorrenza mette dinnanzi agli spettatori testimonianze e realtà di famiglie di omosessuali, sottolineando come atteggiamenti omofobici sono delle lesione di diritti.

Giornata d’Europa

«Fare l’Europa. Dipende anche da te», è il tema dell’incontro promosso dal Movimento Federalista Europeo Sezione Valtellina e Valchiavenna (+39 349 2 11 84 86) in occasione della «Giornata d’Europa» e avrà luogo venerdì 9 maggio a Sondrio, alle ore 18.00, presso il nostro Centro evangelico di cultura. Interverranno Paolo Lorenzetti (MFE Milano) e Salvatore Antonio Palermo (MFE Como). Condurrà Enrico Brivio (MFE Sezione Valtellina e Valchiavenna).

Nei giorni 22-25 maggio, l’elettorato dei 28 Paesi aderenti all’Unione europea sarà chiamato alle urne per rinnovare l’Europarlamento di Strasburgo. L’appello del MFE è tutto rivolto contro un euroscetticismo dilagante, per evitare una virtuale disintegrazione dell’Europa e di votare per una Europa “altra” rispetto all’attuale Europa dell’austerità.

La scelta della Sezione Valtellina e Valchiavenna del MFE di celebrare la «Giornata d’Europa» proprio nella sede di un centro culturale di confessione cristiano-protestante è di valenza simbolica. Infatti, le popolazioni dell’attuale Unione Europea per cultura, impronta spirituale, morale ed etica sono in gran parte riconducibili a quella tradizione religiosa originata dalla Riforma cinquecentesca.

Inoltre, tra i firmatari della Carta di Chivasso (19 dicembre 1943), si contavano quattro valdesi, fra cui – in particolare – Mario Alberto Rollier, fisico e chimico di fama internazionale e candidato del Partito d’Azione alla Costituente, nella cui abitazione milanese fu redatto l’atto di nascita formale del MFE, nel corso di un convegno che tradusse in sei Tesi politiche gli orientamenti contenuti nel Manifesto di Ventotene [27-28 agosto 1943]).

Per un voto “europeista” di una UE fautrice di politiche improntate a giustizia ed equità, lo scorso marzo si sono attivate le Chiese. Organismi, associazioni e Federazioni ecclesiastiche protestanti da Strasburgo hanno lanciato l’appello «Si tratta dell’Europa, si tratta di te» e organizzato a Bruxelles un convegno su «L’occupazione giovanile in Europa. Una sfida per le Chiese?». Altrettanto, la Federazione protestante di Francia. Così pure i vescovi europei attraverso la Commissione degli episcopati della Comunità europea (Comece).