Laicità

Il 15 febbraio 2013 alle ore 18:00 presso il nostro Centro la prof. Elena Bein Ricco parlerà su: Laicità. Il “caso Italia”

La Riforma protestante ha abolito la concezione medievale di una società divisa in chierici e laici, in una sfera sacra e in una sfera profana. Cadeva, così, il muro della mediazione clericale fra cielo e terra. Ne è conseguenza la secolarizzazione di un corpo sociale i cui riferimenti culturali non sono più quelli religiosi.

Tale processo conduce naturalmente al pluralismo e – di conseguenza – alla laicità. Il che significa togliere qualsiasi pretesa a un sapere assoluto.
Tale discorso, in Italia, risulta culturalmente “estraneo” per la complessa storia del Paese, politicamente sempre frammentato.

Secondo il protestantesimo, la neutralità statuale in materia di religione ed etica non equivale affatto a relegare la dimensione religiosa in un angusto privato. Al contrario, la inserisce nello spazio pubblico della società civile.

L’intera problematica, con i risvolti suoi propri storici sociali religiosi teologici, non può che essere oggetto di una discussione e di un confronto a tutto campo pacato e, quindi, fruttuoso rispetto a una crescita civile e culturale di una società plurale.

Cinquant’anni dal Concilio

Due sono gli incontri ecumenici organizzati in occasione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani 2013.

Dopo il primo, svoltosi venerdì 25 gennaio alle ore 21 alla Collegiata di Sondrio. il secondo incontro, organizzato congiuntamente dal Centro evangelico di cultura e dalle Parrocchie cattoliche di Sondrio è previsto:
venerdì 8 febbraio alle ore 18.00 presso la sede del Centro a via Malta 16
sul tema ““Cinquant’anni dal Concilio”” con particolare riferimento all’aspetto ecumenico.

All’incontro dell’8 febbraio interverranno: il pastore Paolo Ricca
(a suo tempo osservatore al Vaticano II per conto della Federazione Riformata Mondiale) e don Battista Rinaldi (responsabile Ufficio ecumenico della Diocesi di Como).